Cerca
  • Simona Trifogli

Lunedì, 28 Ottobre 2019


Qui comincia l’avventura del signor Bonaventura

che del fiume la corrente

sta a veder beatamente.

C’è lì sotto un canottiere

dalle amabili maniere,

che una grassa dama invita in barchetta ad una gita.

Ma la dama colossale

pesa certo un buon quintale,

ed il fragile canotto,

giusto ciel! le affonda sotto.

Il signor Bonaventura

intuisce una sciagura,

e già lancia il grido acuto:

“Un naufragio! Aiuto! Aiuto!”

Mentre quegli il grido gitta,

Barbariccia ne aprofitta

e con un malvagio urtone

vuol mandarlo in perdizione.

Con un urlo il poveretto

casca fuor del parapetto.

Ghigna l’altro, soddisfatto

del terribile misfatto.

Quei, cascando sulla prora,

contrappesa la signora, ed il fragile legnetto

torna in bilico perfetto.

«Corriere dei Piccoli» 23 giugno 1929


0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Amo la radio perchè arriva dalla gente entra nelle case e ci parla direttamente e se una radio è libera ma libera veramente mi piace ancor di più perchè libera la mente. Eugenio Finardi

Quando l'allievo è pronto, il maestro apparirà. Don Diego de La Vega

Le parole abbagliano e ingannano perché sono mimate dal viso. Ma le parole nere su una pagina bianca sono l'anima messa a nudo. Guy de Maupassant